Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2016

Tra Euforie e Abissi - La pittura dell'artista siciliano Bartolomeo Ciampaglia

Immagine
di Monica Baldi

 Didymé, questo è l’antico nome greco dell’isola di Salina. Ed è da questa piccola isola delle Eolie che arriva l’artista Bartolomeo Ciampaglia. Un’occhiata fugace e subito capiamo quanto sia importante per l’artista la sua isola, la sua terra e tutto ciò che ci gira intorno. Vulcano, fuoco, mare ecco gli elementi fondamentali dell’isola di Salina, isola che è formata appunto da sei antichi vulcani, ed ecco gli elementi principali dei suoi dipinti. Ci possiamo immaginare l’artista all’interno del suo atelier, che lui stesso precisa non ha né acqua né luce, una sensazione di estrema libertà. Fuori l’alternarsi delle stagioni. Ma poco importa, perché l’artista ogni pomeriggio della sua vita si ritira nel suo nido dell’arte per esprimere le sue sensazioni e le emozioni sulla tela. Una tela non comune, ma una tela grezza, una tela che riesce ad accogliere e assorbire quei colori forti e decisi, come forse forti e decise sono le sue sensazioni mentre stende i colori sulla…

Tra Euforie e Abissi - La pittura dell'artista reggiano Michele Davoli

Immagine
di Monica Lazzaretti

In un momento storico così difficile nelle dinamiche del mondo, sia a livello sociale che economico ed ecologico, in questa crisi epocale dell’uomo, in mezzo a questo senso di smarrimento in cui si rischia di perdere la bussola, il fine e il senso delle cose, ci sono degli spiriti sensibili, creatori di quel lievito indispensabile per il pane delle anime del mondo. Sono visionari? Sognatori? Forse sì, però sappiamo che hanno aiutato a vedere oltre, a cercare il senso etico della vita, a tracciare prospettive per l’uomo di oggi inquieto, insicuro e smarrito più che mai. Michele Davoli con la sua sensibilità, attraverso le sue opere, è riuscito a dare slancio verso una dimensione mitica del mondo, recuperando lo spirito dell’immaginario dell’uomo, sviluppando una vera forma di Arte tra “Euforia ed abissi”.