Un giorno particolare...con Ligabue!


Martedì 22 marzo...sì un giorno particolare. A tavola a due posti da me Luciano Ligabue. Non una cosa che accade tutti i giorni. Per altro un cantante che mi è sempre piaciuto molto, con il suo stile rock, sia della sua musica che del suo personaggio. La sala gremita di giornalisti di tutte le testate nazionali...iniziano a bombardarlo di domande sul maxiconcerto del 16 luglio: Campovolo 2.0.

I testi delle sue canzoni credo che dicano tante verità sulla vita. E soprattutto noi reggiani possiamo conoscere i luoghi e le abitudini che descrive in tanti brani. Beh dopo la classica conferenza stampa inizia il pranzo e lì a due sedie dalla mia si siede Ligabue con il suo piatto di tortelli verdi davanti e alza il bicchiere di lambrusco per brindare con i pochi giornalisti rimasti. E inizia a parlare di tutto dalla guerra alla sua posizione sui talent show (dove forse non si è espresso troppo visto che proprio davanti a lui siedevano due giornalisti spesso ospiti ad Amici) per arrivare infine a parlare del suo ultimo album, un successo strepitoso con 400.000 copie vendute. Una cosa si poteva notare...la grande cultura del Liga. Parla e sa di tutti gli argomenti che vengono affrontati. Una persona molto piena di sè quando afferma "Io a stare in casa mi rompo i coglioni e vorrei esibirmi tutti i giorni davanti al mio pubblico. Io suonerei sempre...ovunque, comunque e quantunque" dice ridendo. Ma ad un certo punto cita un episodio che gli è successo recentemente "sono stato da poco a New York e ho scoperto che il Virgin Store dove si potevano trovare CD di ogni tipo di musica ha chiuso i battenti, ora puoi comprare musica solo nelle librerie...ecco perchè dico il MEGLIO DEVE ANCORA VENIRE!" per citare il suo ultimo singolo.

Così si chiude una straordinaria giornta!

Commenti

Post popolari in questo blog

Incontri dell'anima alla ArteArte di Mantova

L'artista Paola Bonacini alla ArteArte a Mantova

Il mio mondo | Collettiva di giovani artisti